Note legali

L’utilizzo delle informazioni è effettuato totalmente sotto la responsabilità dell’utente ed in nessun caso Alessandro Busnelli, i suoi soci e le persone che lavorano o collaborano per la preparazione dei documenti presenti nel sito (d’ora in poi definiti anche “I Fornitori”) potranno essere ritenuti responsabili per qualsiasi perdita o danno derivanti dall’utilizzo delle informazioni contenute nel sito consulentefinanziariomilano.it e dal materiale reso disponibile. Il materiale, redatto con la massima diligenza e massima cura potrà contenere errori, difetti od omissioni ma in nessuna forma “I Fornitori” potranno esserne ritenuti responsabili.

Alessandro Busnelli non garantisce che le informazioni rese disponibili agli utenti rispecchino le loro esigenze e loro necessità. Alessandro Busnelli non garantisce l’accuratezza, la completezza e la veridicità delle informazioni fornite.

Data la natura dei contenuti presenti sul sito, Alessandro Busnelli raccomanda di non utilizzarli per fini operativi, ma soltanto a titolo informativo e per approfondimento tecnico. Chiunque utilizzasse le informazioni rielaborate da Alessandro Busnelli per finalità diverse da quelle conoscitive, lo fa esclusivamente a suo rischio e pericolo. Le informazioni non dovranno mai essere utilizzate per acquistare o vendere uno strumento finanziario: si consiglia di rivolgersi agli intermediari autorizzati ed a professionisti per ottenere ulteriori informazioni.

Il Cliente può presentare ricorso all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF), istituito presso la CONSOB, per la risoluzione extragiudiziale delle controversie tra investitori (diversi dai clienti professionali) e  i consulenti finanziari autonomi e le società di consulenza finanziaria di cui, rispettivamente, agli articoli 18-bis e 18-ter del TUF, ,  relative alla violazione da parte di questi ultimi degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza nell’esercizio dell’attività disciplinata dalla Parte II del TUF, incluse le controversie oggetto del Regolamento (UE) n. 524/2013. Non rientrano nell’ambito dell’operatività dell’Arbitro le controversie che implicano la richiesta di somme di denaro per un importo superiore a Euro cinquecentomila. Sono esclusi dalla cognizione dell’Arbitro i danni che non sono conseguenza immediata e diretta dell’inadempimento o della violazione da parte dell’intermediario degli obblighi sopra descritti e quelli che non hanno natura patrimoniale.  Il diritto di ricorrere all’ACF è irrinunciabile e sempre esercitabile anche in presenza di clausole di devoluzione delle controversie ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nel contratto.

Per maggiori informazioni fare riferimento al sito internet https://www.acf.consob.it/